A dip in the blue is happiness, pleasure and childhood memories. Genova Pegli West, the photograph by Massimo Vitali chosen for the cover of this monographic book dedicated to the artist, iconographically refers to the fresco of the Diver of Paestum from about two thousand five hundred years ago. The open arms, the position of muscular tension of the child by the pool on the seafront in Pegli, a district of Genoa, metaphorically ends with the oblique and sporty throw of the athlete depicted in the ancient painting. Θάλαττα, θάλαττα! the Greeks shouted at the sight of the sea, after a long expedition in the internal territories of part of the Middle East to help Cyrus to oust his brother Artaxerxes, and today, still, in our eyes there remains a sense of euphoric amazement at the sight of an expanse of water, be it the Black Sea, the Mediterranean or the Ocean. Talking about Massimo Vitali means reflecting on our culture, on our roots and analyzing the behavioural dynamics of the individual and the social relations that occur on the beaches and in the meeting places where the artist loves to photograph, but first of all reveals an unconditional love for the sense of freedom that only water, the sun and a half-naked body can give. The summer holidays in Liguria, spent at a young age, influenced the creative act of the author who, with time, chose to focus on positive memories, bringing with him the magic and imagination of childhood. Close to Genoa Pegli West, by date, place and subject, we find Genoa Pegli East; in the latter image Vitali, immortalizing a father who takes pictures of his son, explicitly pushes the viewer to reflect on photographic language.

[…] I would like to express my gratitude to Kate Collins, Irene Panzani and Giovanni Romboni for the friendly courtesy with which they received me in the Studio in Lucca and for their availability and help in tracing the artist’s images. Thanks to Annette Klein for her affable invitation and especially to Massimo Vitali for his willingness to convey to me his thoughts as an artist, for having authorized the publication of his photographs, and for the strength he has shown in pursuing his dreams: an example of courage and hope.

Thank you Noemi!

 

The book is in Italian only and you can buy it here, here or here

Il libro si può acquistare qui, qui o qui.

In Italian

Un tuffo nel blu è felicità, piacere e ricordo d’infanzia. Genova Pegli West (fig. 1), la fotogra- fia di Massimo Vitali scelta per la copertina di questo libro monografico dedicato all’artista, rimanda iconograficamente all’affresco del Tuffatore di Paestum di circa duemilacinquecento anni fa. Le braccia aperte, la posizione di tensione muscolare del bambino a bordo piscina sul lungomare di Pegli, quartiere di Genova, si conclude metaforicamente con il lancio obliquo e sportivo dell’atleta raffigurato nella pittura antica. Θάλαττα, θάλαττα! gridavano i greci alla vista del mare, dopo una lunga spedizione nei territori interni di parte del Medio Oriente per aiutare Ciro a spodestare il fratello Artaserse, e oggi, ancora, nei nostri occhi rimane un senso di stupore euforico alla vista di una distesa d’acqua che sia Mar Nero, Mediterraneo o Oceano. Parlare di Massimo Vitali significa riflettere sulla nostra cultura, sulle nostre radici e analizza- re le dinamiche comportamentali dell’individio e le relazioni sociali che si manifestano nelle spiagge e nei luoghi di aggregazioni dove l’artista ama fotografare, ma in primis rivela un amo- re incondizionato per il senso di libertà che solo l’acqua, il sole e un corpo seminudo possono donare. Le vacanze estive in Liguria, trascorse in giovane età, hanno influenzato l’atto creativo dell’autore che ha scelto con la maturità di concentrarsi su memorie positive, portando con sé la magia e la fantasia di un pensiero fanciullesco. Vicina a Genova Pegli West, per datazione, luogo e soggetto, troviamo Genova Pegli East (fig. 2); in quest’ultima immagine Vitali, immor- talando un padre che riprende il figlio, spinge in modo esplicito lo spettatore a riflettere sul linguaggio fotografico.

[…] Desidero, infine, manifestare la mia riconoscenza a Kate Collins, a Irene Panzani e a Giovanni Romboni per l’amichevole cortesia con la quale mi hanno ricevuto nello Studio a Lucca e per la disponibilità e l’aiuto nel rintracciare le immagini dell’autore, ad Annette Klein per il suo affabile invito e specialmente a Massimo Vitali per la sua disponibilità a trasmettermi il suo pensiero d’artista, per aver autorizzato la pubblicazione delle sue fotografie e per la forza che ha dimostrato nell’aver voluto perseguire i suoi sogni: un esempio di coraggio e di speranza.

Noemi Pittaluga, from the Preface of Massimo Vitali. Una storia italiana, Ledizioni, 2021.